Sabato 10 Giugno 2017 - 10:30

Alghero, l'ex Juve Cuccureddu sotto accusa per turbativa d'asta

Divieto di dimora per l'ex difensore. Ai domiciliari il vicesindaco. Inchiesta sul bando per la concessione dello stadio

Alghero, arrestati per turbativa d'asta e falso l'ex Juve Cuccureddu e il vicesindaco

Il Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Sassari ha eseguito cinque provvedimenti cautelari nei confronti di cinque persone, ritenute responsabili dei delitti di induzione indebita a dare o promettere utilità, turbativa d'asta, falso ideologico e materiale commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici. E' quanto si apprende da fonti investigative. In particolare ai domiciliari è finito il vicensindaco e assessore allo Sport di Alghero, Antonello Usai. Coinvolto nell'operazione anche Antonello Cuccureddu, ex calciatore della Juventus, per il quale è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Alghero.

I carabinieri hanno dato esecuzione a cinque ordinanze cautelari, delle quali tre di sottoposizione agli arresti domiciliari e due di divieto di dimora, emesse dal Gip presso il Tribunale di Sassari. L'indagine - spiegano i carabinieri del Noe - avviata nel luglio 2016 e coordinata dalla Procura della Repubblica Sassarese  ha permesso di accertare come gli indagati avessero favorito, nell'ambito della procedura ad evidenza pubblica con bando di gara e disciplinare indetto dal Comune di Alghero, la 'Associazione Polisportiva  Dilettantistica di Antonello Cuccureddu 1969' assegnandole, in concessione per la durata di sei anni, la gestione  della struttura sportiva comunale polivalente di atletica e calcio denominata 'Maria Pia'.

In particolare, mediante attività tecniche e riscontri documentali, l'attività investigativa ha acclarato come il Vicesindaco e Assessore con deleghe alle politiche della pianificazione urbana e dello sport del Comune Algherese Antonello Usai, avesse abusato delle proprie funzioni, condizionando  l'attività di Giovanni Salvatore Mulas, Presidente e del Segretario della Commissione Giudicatrice Giovanni Salvatore Chessa,  i quali peraltro hanno indirizzato le loro scelte, favorendo la richiamata società sportiva mediante la maggiorazione dei punteggi e la falsificazione dei verbali di gara, altresì omettendo di indicare le operazioni realmente avvenute, senza rispettare i principi di trasparenza e imparzialità della Pubblica Amministrazione. I tre Pubblici Ufficiali sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari. L'investigazione ha inoltre consentito di documentare come il Presidente  della menzionata Associazione Sportiva, Antonello Cuccureddu  ed il  Segretario Efisio Balbina avessero turbato la regolarità della gara pubblica in parola, concordando con i suddetti Pubblici Ufficiali, di visionare la documentazione amministrativa e tecnica della citata associazione sportiva, prima del deposito e della presentazione delle altre offerte. I due, sono stati sottoposti alla misura cautelare del divieto dimora nel Comune di Alghero.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nuova operazione Carabinieri palazzi Athena Zingonia

Mafia, parla nuovo pentito. Cinque arresti: c'è anche il figlio dell'autista di Riina

Ad aiutare l'operazione sarebbe stato un pentito di mafia

Maltempo a Roma

Meteo, fine settima variabile: vento forte e neve abbondante sulle Alpi

Le temperature saranno altalenanti: in calo sabato, in temporaneo rialzo domenica, torneranno a diminuire ancora nella giornata di lunedì

Salute, brusco aumento dei casi di influenza: in oltre 2 milioni a letto

Non solo la spremuta d'arancia, tutti i rimedi della nonna contro l'influenza

Gli agricoltori svelano i segreti per curare i malanni di stagione

Questura Milano - Arrestati tre italiani per spaccio, detenzione di armi e ricettazione

Dalla droga alla prostituzione, gli italiani spendono 19 miliardi in attività illegali

E il valore è aumentato negli ultimi 4 anni. La Lombardia è la regione con più elevato numero di segnalazioni