Lunedì 07 Novembre 2016 - 14:15

Alfano: Dimissioni Renzi se vince 'no' al referendum? Un errore

Intanto il premier torna ad attaccare il fronte del 'no': "Vogliono guidare il Paese, per loro ultima chance"

Alfano: Dimissioni di Renzi se vince il 'no' al referendum? Sarebbero un errore

Sarebbe "un errore" se il premier Matteo Renzi si dimettesse qualora vincesse il No il 4 dicembre. Questa la convizione del ministro dell'Interno, Angelino Alfano. Non bisogna, spiega ai giornalisti in Transatlantico alla camera, "confondere una parte con il tutto: il nostro è un governo che ha messo il segno più al Pil, eliminato l'art.18 che, per quanto ci riguarda come Viminale ha realizzato un sistema di sicurezza e prevenzione che ha finora funzionato. Rispetto a questo tutto il giudizio dovrà avvenire alle elezioni politiche e non al referendum. Le riforme sono una parte importante, non il tutto".

Intanto il premier torna ad attaccare il fronte del 'no'. "Più andiamo avanti e più è evidente che i leader del fronte del No usano l'appuntamento del 4 dicembre per tentare la spallata al Governo. Vogliono tornare loro a guidare il Paese e si rendono conto che questa è l'ultima chance. Ecco perché da Berlusconi a D'Alema, da Monti a De Mita, da Dini a Cirino Pomicino fino a Brunetta Grillo e Gasparri stanno tutti insieme in un fronte unico. Provate a chiedere loro su cosa andrebbero d'accordo: su nulla, probabilmente. Solo sul dire no", afferma Renzi nella sua e-news.  

"L'Italia non si cambia con i no. L'Italia non va avanti seguendo chi sa solo criticare gli altri senza proporre un'alternativa. Ecco perché ogni giorno di più il referendum diventa un derby tra futuro e passato, tra speranza e nostalgia, tra chi vuole cambiare e chi preferisce non cambiare nulla". "Stavolta possiamo davvero liberarci della maledizione del Gattopardo - aggiunge Renzi - Ma perché ciò accada è fondamentale che tante persone si mettano in gioco".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - Presentazione della relazione finale della commissione Antimafia

Mafia, Minniti: "Troppo silenzio in campagna elettorale. Rischio infiltrazioni"

La commissione bicamerale Antimafia presieduta da Rosy Bindi lancia l'allarme

Università Angelicum. Paolo Gentiloni incontra gli elettori

Embraco, Calenda sui fondi alla Slovacchia: 'Così non è mercato'

Intervista al ministro per "Upday for Samsung": "Delle buone intenzioni della Ue non me ne faccio niente. Verificare se sono stati usati per attrarre aziende

Messa in occasione dei 50 anni della Comunità di Sant'Egidio.

Ema, Tajani scrive a Juncker: "Chiesti tutti i dettagli dell'offerta olandese"

Necessari "per permettere al Parlamento di deliberare sulla questione in modo significativo e informato"

Gentiloni scrive a suoi elettori: "Non fidatevi delle promesse mirabolanti"

Il premier veste i panni del candidato e in una lettera si rivolge ai suoi concittadini