Lunedì 07 Novembre 2016 - 14:15

Alfano: Dimissioni Renzi se vince 'no' al referendum? Un errore

Intanto il premier torna ad attaccare il fronte del 'no': "Vogliono guidare il Paese, per loro ultima chance"

Alfano: Dimissioni di Renzi se vince il 'no' al referendum? Sarebbero un errore

Sarebbe "un errore" se il premier Matteo Renzi si dimettesse qualora vincesse il No il 4 dicembre. Questa la convizione del ministro dell'Interno, Angelino Alfano. Non bisogna, spiega ai giornalisti in Transatlantico alla camera, "confondere una parte con il tutto: il nostro è un governo che ha messo il segno più al Pil, eliminato l'art.18 che, per quanto ci riguarda come Viminale ha realizzato un sistema di sicurezza e prevenzione che ha finora funzionato. Rispetto a questo tutto il giudizio dovrà avvenire alle elezioni politiche e non al referendum. Le riforme sono una parte importante, non il tutto".

Intanto il premier torna ad attaccare il fronte del 'no'. "Più andiamo avanti e più è evidente che i leader del fronte del No usano l'appuntamento del 4 dicembre per tentare la spallata al Governo. Vogliono tornare loro a guidare il Paese e si rendono conto che questa è l'ultima chance. Ecco perché da Berlusconi a D'Alema, da Monti a De Mita, da Dini a Cirino Pomicino fino a Brunetta Grillo e Gasparri stanno tutti insieme in un fronte unico. Provate a chiedere loro su cosa andrebbero d'accordo: su nulla, probabilmente. Solo sul dire no", afferma Renzi nella sua e-news.  

"L'Italia non si cambia con i no. L'Italia non va avanti seguendo chi sa solo criticare gli altri senza proporre un'alternativa. Ecco perché ogni giorno di più il referendum diventa un derby tra futuro e passato, tra speranza e nostalgia, tra chi vuole cambiare e chi preferisce non cambiare nulla". "Stavolta possiamo davvero liberarci della maledizione del Gattopardo - aggiunge Renzi - Ma perché ciò accada è fondamentale che tante persone si mettano in gioco".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Regionali in Sicilia

Elezioni in Sicilia, Musumeci (cd) avanti nei sondaggi

Il candidato del centrodestra in vantaggio di sei punti su Cancelleri (M5S), Fava (sinistra) al 16% e Micari (Pd) al 15%

Senato. Decreto Vaccini

Violenza donne, Grasso chiede scusa: "Problema parte da uomini"

Il presidente del Senato fa mea culpa: "Siamo noi uomini a dover evitare queste tragedie"

Luigi DI Maio a Firenze per il Restitution Day del M5S

Primarie M5s, militanti non riescono a votare: Rousseau in tilt o spettro hacker?

"Prestazioni del Sistema operativo condizionate dall'alta affluenza", replicano sul blog. E prolungano fino alle 12 di venerdì

Legge elettorale, depositato Rosatellum bis:

Legge elettorale, depositato il Rosatellum bis: no voto disgiunto e soglia al 3%

Presentato il disegno di legge Fiano che prevederà il 36% di collegi uninominali e il 64% di collegi plurinominali