Lunedì 21 Marzo 2016 - 08:30

Alcoa, sindacalisti protestano in cima a silos Portovesme

I segretari provinciali di Fim, Fiom e Uilm del Sulcis si trovano ad un'altezza di 60 metri

Alcoa, sindacalisti protestano in cima a silos Portovesme - Foto tratta da Twitter

I segretari provinciali di Fim, Fiom e Uilm del Sulcis - Rino Barca, Roberto Forresu e Daniela Piras - si sono barricati in cima al silos delle materie prime dell'impianto Alcoa di Portovesme, frazione del comune di Portoscuso in provincia di Carbonia-Iglesias, ad un altezza di circa 60 metri. Lo riferiscono, in una nota congiunta, gli stessi sindacati, sottolineando come i continui rinvii della multinazionale svizzera Glencore non consentano l'ingresso di nuovi investitori. "Il Piano Sulcis fermo al palo - spiegano i sindacati - per i lavoratori resta solo la disperazione di vedere stabilimento chiuso e la fine degli ammortizzatori sociali e di ogni reddito per centinaia di famiglie. Lo avevamo detto, se qualcuno pensa di dividere o di avere senza soluzioni la resa dei lavoratori ha sbagliato i conti!".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato