Venerdì 18 Novembre 2016 - 20:45

Al via Torino Film festival, tocco punk e madrina Jasmine Trinca

Nove giorni di proiezioni, oltre 150 film. Attesi Nanni Moretti, con il restauro di Palombella Rossa, Roberto Bolle e Paolo Sorrentino

Al via Torino Film festival, tocco punk e madrina Jasmine Trinca

"Le persone che fanno questo festival sono persone appassionate e malate di cinema. Torino trasuda cinema e si sente. E inoltre la presenza di una parte dedicata al cinema punk a questa edizione del Tff mi interessa molto". Così Jasmine Trinca, la madrina del 34esimo Torino Film festival, sintentizza la spirito della rassegna arrivando all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto per la serata di inaugurazione.

E' iniziato il Tff. Da oggi al 26 novembre, nove giorni di proiezioni: 158 lungometraggi con 43 anteprime mondiali e 73 italiane per il festival cinematografico torinese diretto da Emanuela Martini, che ha il regista Gabriele Salvatore come guest director e una liaison con la musica che porta nel manifesto della rassegna il David Bowie di Absolute Beginners e nel programma una proposta punk. "Il cinema italiano ha bisogno di stimoli nuovi e di poca paura, di sfrontata allegria e di coraggio. Elementi che il Tff ha nel suo Dna perché da sempre si sforza di proporre linguaggi diversi e autori che non si conoscono", ha detto Salvatores prima dell'inaugurazione.

Quindici i film in concorso: unico italiano, I figli della notte, thriller diretto da Andrea De Sica, nipote di Vittorio. Salvatores presenterà i suoi Cinque pezzi facili:  i suoi film preferiti (Jules et Jim, Blow-up, Ifà, Alice's Restaurant, Fragole e sangue), che l'hanno 'salvato' dalla carriera di avvocato. Per il Tff Nanni Moretti sarà a Torino con la versione restaurata di Palombella Rossa. Costa-Gavras riceverà il premio alla carriera e tra gli ospiti sono annunciati anche Paolo Sorrentino, Gianni Amelio, Roberto Bolle, che è protagonista di un documentario, e Lou Castel. L'apertura del festival stasera sarà affidata alla commedia indipendente statunitense Between us di Rafael Palacio Illingworth e la chiusura a Free fire di Ben Wheatley. Tra i film più attesi, Sully con cui Clint Eastwood e Tom Hanks raccontano la storia dell'ammaraggio sull'Hudson nel 2009. Tra i lavori italiani, Nome di battaglia donna, con cui Daniele Segre racconta la Resistenza e Nessuno ci può giudicare, il documentario di Steve Della Casa dedicato ai musicarelli degli anni Sessanta. Una sezione apposita  del Tff ricostruisce la storia del punk, a quarant'anni dalla nascita, e una notte intera sarà incentrata sull'horror come nella scorsa edizione. Martedì 22 novembre si terrà la 2^ edizione del  Premio Cabiria, che viene assegnato a un regista, un attore o un'attrice che si siano particolarmente distinti per la loro attività nel corso dell'anno. Il Premio prende il nome dal capolavoro del cinema muto italiano realizzato proprio a Torino da Giovanni Pastrone nel 1914.

Venerdì 25 novembre, la 1^ edizione del Premio Langhe-Roero e Monferrato premiera' Paolo Sorrentino. Il Torino Film Festival e il Museo Nazionale del Cinema, con la Regione Piemonte, hanno istituito il Premio Langhe-Roero e Monferrato, che verrà attribuito, a partire da questa edizione, ad un autore o attore cinematografico di rilevanza internazionale all'insegna del legame tra valorizzazione del patrimonio artistico, vocazione culturale della regione e la cultura del vino che ha portato al  riconoscimento del territorio quale parte integrante del Patrimonio Mondiale Unesco. Quest' anno il Tff ha come madrina Jasmine Trinca.

E poi la nota punk.  A quarant'anni dalla nascita, il Torino Film Festival dedica un omaggio al cinema che ha descritto uno dei movimenti musicali e culturali significativi degli ultimi decenni, con una decina di titoli, fra cui The Blank Generation (1976) di Amos Poe e Ivan Kral, che riprende le prime esibizioni di Patti Smith, i Ramones, Blondie e i Talking Heads al CBGB di New York e Jubilee (1978) di Derek Jarman, che consacra la ribellione punk londinese.
 

 

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Claudia Cardinale sul manifesto del 70esimo Festival (immagine tratta dal sito ufficiale)

Claudia Cardinale è l'icona del manifesto di Cannes 2017

L'attrice si è detta orgogliosa di essere il simbolo della prossima edizione

Torino, Storia del futuro: workshop di media civici e documentaristi

Torino, Storia del futuro: workshop di media civici e documentaristi

Il 31 marzo e il 1 aprile l'evento di chiusura delle 'Giornate Europee del Cinema e dell’Audiovisivo' 

David di Donatello 2017

David 2017, trionfa 'La pazza gioia', Accorsi miglior attore

La pellicola di Virzì si aggiudica la statuetta per il miglior film

Addio ad Alessandroni, il fischio wester più famoso del mondo

Addio ad Alessandroni, il fischio western più famoso del mondo

Sua, insieme alla moglie Giulia, la voce di 'Mah-nà mah-nà', motivo ripreso dai Muppets