Martedì 25 Ottobre 2016 - 15:00

Agnelli: Con 2-3 interventi calcio italiano può tornare a vertici

Il presidente della Juventus: "Bisogna utilizzare la passione che abbiamo per questo sport e ottimizzarla"

Agnelli: Con 2-3 interventi calcio italiano può tornare a vertici

"Il calcio italiano è ancora fra i migliori, i tifosi ci sono. Bastano 2-3 interventi e possiamo tornare ad essere il numero 1 al mondo. La dimensione potenziale è enorme, non credo resti che utilizzare la passione che abbiamo per questo sport e cercare di ottimizzarla". Così Andrea Agnelli, presidente della Juventus, nel corso della conferenza stampa al termine dell'assemblea degli azionisti. "In linea di massima scontiamo un paio di cicli, nel 2005/2006 i fatturati erano simili fra squadre italiane e spagnole. Poi in Italia è successo quello che è successo e ci siamo fermati. Per i prossimi 2-3 anni continueremo a crescere sempre scontando quei 5-6 anni, dopodiché sarà determinante un intervento della Serie A e vedere cosa accadrà a livello europeo", ha aggiunto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"

FIGC, Consiglio federale a Roma

Figc, un ticket con Gravina? Tommasi non lo esclude

Grandi manovre verso il voto del 29. Tutti cercano di evitare elezioni con tre candidati. Nicchi (arbitri): "In quel caso, non voteremmo"