Domenica 17 Luglio 2016 - 15:15

Aggredisce disabile e posta video sui social

Nessuno lo ferma mentre picchia un ragazzo con disturbi mentali

carabinieri

Aggredisce un disabile e posta il video sui social. E' accaduto alle 6 del mattino del 10 luglio, presso il parcheggio esterno di una discoteca di San Teodoro, in provincia di Sassari. L. I., un ragazzo di 37 anni di Olbia, persona con fragilità mentale, normalmente seguito da psichiatri ed educatori, ha subito una grave aggressione, apparentemente per futili motivi, da parte di un giovane che si era recato con lui presso la discoteca facendo parte dello stesso gruppo e che, a seguito dell'aggressione, lo ha lasciato esanime al suolo e gli ha provocato lesioni giudicate guaribili in 45 giorni dal pronto soccorso dell'Ospedale di Olbia per diverse fratture e contusioni. Tutta la scena è stata ripresa con un telefonino ed il video è stato pubblicato sui social network.

La vittima, nonostante ci fossero altre persone presenti, è stata soccorsa dal personale della discoteca che, benché a quell'ora fosse chiusa, era ancora nel locale per sistemarlo prima di andarsene. I carabinieri della Stazione di Olbia Poltu Quadu sono venuti a conoscenza di quanto accaduto soltanto alcuni giorni dopo, quando, nella serata del 15 luglio, il ragazzo aggredito e il proprio avvocato hanno deciso di presentare una querela per quanto accaduto. Nella stessa serata del 15, dopo aver ricevuto la denuncia e grazie anche ad un video che incastra il colpevole, i carabinieri sono riusciti ad individuare l'autore, B. A. A., un giovane 27enne di Sassari, già noto alle forze di polizia proprio per avere diversi precedenti specifici per i quali era già stato perseguito in passato.

 Il 27enne è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nuoro che dovrà pronunciarsi sui fatti. Nelle immagini si vedono altre persone che assistono al pestaggio senza intervenire, compreso 'il regista' che filma la sequenza. Le indagini stanno proseguendo al fine di individuare tutte le persone presenti e di capire il ruolo di ciascuno.

Inizialmente il giovane, quella mattina, era stato accompagnato dal servizio di vigilanza della discoteca al pronto soccorso ed in un primo momento ha raccontato ai familiari di essere caduto in moto, ma solo quando il filmato è stato pubblicato è emersa la verità.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nella Giornata del Merito raccontiamo l'Italia dei talenti

A Milano il 22 maggio 2018 alle 17, Confcommercio

Prima udienza del processo Mafia Capitale.

Mafia Capitale, 20 nuovi rinvii a giudizio: Buzzi ancora a processo

Alla sbarra anche D'Ausilio, ex capogruppo Pd in Campidoglio all'epoca di Marino

Terremoto, scossa di magnitudo 3.8 a 2 km da Muccia

La terra trema ancora nelle Marche