Mercoledì 30 Dicembre 2015 - 20:30

Agente di Pep Guardiola: Futuro al Psg? Nessun contatto

L'allenatore spagnolo lascerà il Bayern a fine stagione e sarà sostituito da Ancelotti. Ma sul suo futuro c'è ancora poca chiarezza

151220-161826_0668.jpg

L'agente di Pep Guardiola risponde alle indiscrezioni riguardanti presunti contatti tra la proprietà del Paris Saint Germain e il suo assistito, che a fine stagione lascerà la guida del Bayern Monaco. "Non ho mai parlato con il presidente del Psg, né recentemente né in passato", ha chiarito Josep Maria Orobitg a 'L'Equipe'. "Ho contatti con il loro direttore sportivo Olivier Letang, ma per parlare di uno dei miei giocatori. Non abbiamo mai discusso la situazione di Pep e il Psg non mi ha fatto domande sui suoi desideri. A meno che Pep non abbia avuto contatti diretti, ma mi sorprenderebbe e non me ne ha parlato. Comunque - ha aggiunto il procuratore - oggi mi sembra una cosa molto lontana dal realizzarsi". Lo scenario più probabile sembra il trasferimento di Guardiola in Premier League, sulla panchina del Manchester City, ma Orobitig non si sbilancia: "Sarebbe una grande opportunità, ma Pep si pronuncerà entro due o tre mesi. Tutto è possibile, anche un anno sabbatico".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Griezmann si traveste da giocatore di basket afroamericano: bufera sui social

Il giocatore dell'Atletico Madrid, accusato di razzismo, ha rimosso la foto dai suoi profili e si è scusato

Milan vs Hellas Verona - Coppa Italia 2017/2018

Calcio, Milan fra caso Donnarumma e sentenza Uefa. Tifosi contro Raiola

l giovane portiere campano contestato dai supporters. Il club fa quadrato intorno al suo numero 1

Sturaro e la lite su Instagram con un dodicenne: "Ritardato"

Bufera sul calciatore della Juve dopo una lite dai toni molto accesi con un piccolo tifoso napoletano

Premier League - Tottenham Hotspur vs Stoke City

Ranking Uefa, al comando il Tottenham. Juve e Roma decime

La classifica per il 2017/18 vede in testa gli inglesi. Sei squadre a pari merito al secondo posto