Sabato 09 Luglio 2016 - 14:30

Afghanistan, leader Nato: 12mila soldati nel Paese nel 2017

La missione manterrà lo stesso livello di finanziamento delle forze di sicurezza afghane di circa 5 miliardi di dollari all'anno fino al 2020

Summit NATO a Varsavia

I leader della Nato hanno deciso di mantenere in Afghanistan lo stesso numero di soldati anche per il 2017, circa 12mila, impegnati in formazione, consulenza e assistenza alle forze afghane. I capi di Stato e di governo dell'Alleanza, riuniti per il secondo giorno di vertice Nato a Varsavia, hanno voluto estendere la missione, che seguirà il modello 'flessibile' e 'regionale' oltre il 2016, mantenendo anche lo stesso livello di finanziamento delle forze di sicurezza afghane di circa 5 miliardi di dollari all'anno fino al 2020.
"Manterremo la presenza militare e continueremo a finanziare le forze locali", ha annunciato Stoltenberg durante una conferenza stampa al termine di una sessione di lavoro sulla missione Nato in Afghanistan battezzata 'pieno sostegno'.

Il leader della Nato ha precisato che "è troppo presto per fornire cifre esatte sul livello di truppe" ma ha fatto sapere che "in base a quanto si è concordato durante la riunione di oggi, possiamo parlare di circa 12mila soldati nel 2017, lo stesso numero del 2016". Stoltenberg ha aggiunto che la cifra esatta si potrà sapere "più avanti", ma ha chiarito che "ci sarà una consistente presenza degli Stati Uniti e una presenza sostanziale di soldati non statunitensi in Afghanistan".

Già mercoledì il presidente Usa, Barack Obama, aveva annunciato che a Kabul rimarranno nel 2017 8.400 soldati sugli 9.800 attuali, una cifra di molto superiore ai 5.500 soldati annunciati ad ottobre scorso.

I leader alleati si sono impegnati inoltre a continuare il finanziamento alle forze di sicurezza afghane fino al 2020, e hanno ribadito il loro sostegno per una collaborazione a lungo termine e una cooperazione pratica con il governo di Kabul, che "non è solo".
"La situazione in Afghanistan non è facile, è molto difficile. Vediamo violenza, attacchi terroristici, agitazione, e non ci aspettiamo che migliori presto. Rimarrà una situazione che pone una sfida per noi", ha dichiarato Stoltenberg ammettendo che nel Paese esiste "una presenza" dello Stato islamico insieme a quella dei talebani. La Nato ha chiarito che la cosa più importante è "sostenere gli afghani nella lotta contro i diversi gruppi terroristici".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80