Venerdì 20 Ottobre 2017 - 18:30

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Due attacchi kamikaze in due diverse moschee in Afghanistan, in poche ore, hanno provocato la morte di 50 persone.

Il primo attentatore suicida ha agito all'interno di una moschea sciita a Kabul, come riferisce un funzionario della sicurezza, aggiungendo che il bilancio è di almeno 30 morti. La moschea colpita è quella di Imam Zaman, che si trova nella zona occidentale di Dasht-e-Barchi nella capitale afghana. L'esplosione è avvenuta mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera. Secondo un report diffuso la scorsa settimana dalle Nazioni unite, quest'anno la popolazione sciita dell'Afghanistan è stata molto colpita dagli attacchi, con almeno 84 persone morte e 194 ferite in attentati contro moschee e cerimonie religiose. 

Il secondo attacco kamikaze è avvenuto contro la moschea Khwajagan della provincia di Ghor, nell'ovest dell'Afghanistan, nel distretto di Du-Layna, sempre nel venerdì di preghiera dei musulmani, provocando almeno 20 morti secondo il portavoce della polizia provinciale Iqbal Nezami. Lo riferiscono a Efe fonti ufficiali, spiegando che l'esplosione è avvenuta mentre nella moschea si trovavano per pregare un importante miliziano anti-talebano e i suoi uomini.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PyeongChang 2018, si chiudono le 'Olimpiadi della pace'. Ma il dialogo continua

Dopo la tregua olimpica il sogno della riunificazione diventerà realtà?

Xi Jinping presidente senza limiti: la Cina vuole cambiare la Costituzione

Il partito vuole eliminare la clausola che prevede lo stop dopo due mandati consecutivi. Così Xi diventa più potente di Mao

Siria, attacchi aerei a Al-Ghutah

Siria, ok alla tregua. Ma le ong denunciano: "Ancora bombe su Ghouta"

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha approvato la risoluzione all'unanimità, ma il regime continua ad attaccare la roccaforte dei ribelli