Mercoledì 03 Febbraio 2016 - 13:15

Affitti stracciati a Roma, Zanetti: Dirigenti peggio di fannulloni

Tronca parla di una perdita di 100 milioni l'anno per le casse del Campidoglio

Il viceministro dell'Economia Enrico Zanetti

"Una volta terminato questo lavoro su tutto il patrimonio del Comune forse arriveremo a proiezioni ben superiori, a una perdita di 100 milioni l'anno per le casse del Campidoglio a causa degli affitti delle case del Comune a prezzi stracciati". Lo ha detto il commissario di Roma Francesco Paolo Tronca, intervenendo a Uno Mattina su Rai 1. Il controllo "dobbiamo svolgerlo in tempi rapidissimi e con la tecnologia più avanzata", ha detto Tronca, spiegando che "io e il mio staff, quando siamo arrivati, siamo rimasti stupiti dal fatto che non ci fosse un censimento completo: francamente è un'anomalia per un'amministrazione e qualche dubbio te lo fa anche nascere".

QUASI 600 AFFITI FUORI MERCATO. Sono almeno 574 gli affitti fuori mercato nel centro storico di Roma, con importi che vanno dai 10,29 euro al mese per un appartamento a Borgo Pio ai 25,64 euro a mese per uno in via del Colosseo. E' quanto emerso da una verifica avviata dal Campidoglio, che lunedì aveva comunicato: "Sin dal suo insediamento il commissario Tronca, ha disposto la verifica puntuale del proprio patrimonio immobiliare, avvalendosi della Segreteria Tecnica che, nell'ambito di un più vasto controllo teso a pervenire ad un censimento esaustivo, ha fino ad oggi estrapolato 574 dati riferibili agli nel I Municipio".

ZANETTI: PEGGIO DEI FANNULLONI. I dirigenti del Comune di Roma che hanno ricoperto per anni ruoli apicali nella gestione del patrimonio edilizio di Roma, senza nemmeno un censimento delle proprietà e con affitti irregolari e scandalosi, sono peggiori e ancor più indifendibili dei fannulloni che timbrano il cartellino in mutande e se ne vanno. A casa, subito". Lo dichiara Enrico Zanetti, segretario politico di Scelta Civica e viceministro all'Economia.

TRONCA: PERDITA DI 100 MLN.  "Una volta terminato questo lavoro su tutto il patrimonio del Comune forse arriveremo a proiezioni ben superiori, a una perdita di 100 milioni l'anno per le casse del Campidoglio a causa degli affitti delle case del Comune a prezzi stracciati". Lo ha detto il commissario di Roma Francesco Paolo Tronca, intervenendo a Uno Mattina su Rai 1. Il controllo "dobbiamo svolgerlo in tempi rapidissimi e con la tecnologia più avanzata", ha detto Tronca, spiegando che "io e il mio staff, quando siamo arrivati, siamo rimasti stupiti dal fatto che non ci fosse un censimento completo: francamente è un'anomalia per un'amministrazione e qualche dubbio te lo fa anche nascere".

MARCHINI: UN ANNO FA NOSTRA DENUNCIA. "Un anno fa abbiamo denunciato in due trasmissioni sulla Rai quello che oggi emerge. Chi governava allora diceva che era tutto falso. Oggi si scopre l`acqua calda e anche abbastanza in modo vigliacco si scarica la responsabilità ai dirigenti. La responsabilità è politica di chi ha governato in questi anni. Basta con questo meccanismo di scaricabarile". Lo afferma Alfio Marchini, intervenuto su Radio Cusano Campus. "E' il modo di una sinistra che non è al livello della sua storia. Non è Tronca che sbaglia, - ha aggiunto Marchini - è la politica che in silenzio cerca di far dimenticare ai romani di chi è la colpa dello scempio di questo scandalo che penalizza i cittadini romani. Se questi immobili fossero messi a reddito in modo intelligente, si potrebbero abbassare le tasse".

"Fra pochi mesi i romani saranno chiamati alle urne e potranno decidere se cambiare le cose o meno, se decideranno di no sarà anche colpa loro. Ci sono interessi privati dietro appalti pubblici. Si è governato promettendo case in cambio di voti. Ora però i soldi sono finiti. Il voto di scambio, gli immobili di scambio non devono esistere. Questo meccanismo - ha proseguito Marchini - è la foto di un sistema che va avanti da decenni. Il dirigente firma e avalla una visione politica sbagliata, ma dire che da 20 anni nessuno sa qual è il patrimonio immobiliare di Roma per colpa dei dirigenti è ridicolo. Il dirigente esegue quello che la politica gli dice di fare. Prima si punisce chi ha la responsabilità politica, poi anche chi ha avallato queste scelte. Ci fosse stato un politico che abbia detto di aver sbagliato".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

Marco Minniti alla festa de L'Unità di Torino

Tav, Esposito: "Perino vs M5S? Pd stani grillini con una mozione"

L'ex senatore dem esorta il suo partito a mettere Toninelli "nella condizione di dover votare un documento al di là della propaganda"

M5s, festa del governo del cambiamento

Allarme suicidi tra i militari, Trenta: "Più caserme al Sud e sostegno psicologico"

La titolare della Difesa: "Occorre lavorare duramente per stare più vicino ai nostri militari e alle loro famiglie"

Conferenza stampa del Movimento NoTav a Venaus

No Tav, è rottura con il M5S. "In che mani ci siamo messi!"

Un documento di Alberto Perino, leader del movimento contrario alla Torino-Lione, prende le distanze dall'"immobilismo" dei 5 Stelle. Lo riferisce Repubblica.it