Mercoledì 19 Luglio 2017 - 20:15

Aereo per Roma fermo a Londra. "Sequestrati a bordo senz'acqua"

Il RyanAir è rimasto fermo 4 ore sulla pista. Poi il decollo. Fatto scendere solo il passeggero che ha protestato

Ryanair seat policy study

Un aereo della Ryanair è rimasto fermo per quattro ore con tutti i passeggeri a bordo nell'aeroporto londinese di Stansted. L'arrivo era previsto per le 19,40 a Roma Ciampino. "Siamo bloccati dentro l'aereo da più di tre ore; donne, vecchi e bambini: l'aereo è pieno. E non ci danno spiegazioni - dice Vincenzo Alfonsi, uno dei passeggeri -. Ho chiesto di parlare con il comandante e il personale di bordo mi ha risposto che non poteva perché stava mangiando. Dall'altoparlante in questo momento ci dicono che manca l'autorizzazione per cui non possiamo partire. Non ci danno nemmeno l'acqua, se la vogliamo, dobbiamo pagarla. E' come se fossimo sequestrati".

Il volo RyanAir è poi decollato alle 20,05 (ora locale). La partenza era prevista per le 16,10 e l'arrivo a Ciampino alle 19,40. Il volo è atteso nella capitale per mezzanotte e un minuto. Il passeggero italiano, Vincenzo Alfonsi, che ha raccontato i fatti è stato fatto scendere dalla polizia poco prima che l'aereo ripartisse. "Non ci davano spiegazioni e io ho protestato con il personale di bordo e ho chiesto di parlare con il comandante, ma mi hanno risposto che stava mangiando. Poi è arrivata la polizia e ha fatto scendere soltanto me. Lo ha deciso il comandante, mi hanno riferito, perché protestavo troppo. Hanno preso il mio bagaglio dalla stiva e mi hanno riaccompagnato dentro l'aeroporto. Ora non so cosa fare", ha raccontato. Il connazionale ha manifestato l'intenzione di rivolgersi al consolato italiano a Londra.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit

Brexit, Londra: Un accordo con Ue più libero e senza frizioni possibile

Il ministero per la Brexit ha iniziato a diffondere documenti ufficiali in cui dettaglia la propria posizione negoziale sui temi chiave dell'uscita dall'Ue

Barcellona, l'imam di Ripoll sarebbe morto in esplosione ad Alcanar

Barcellona, l'imam di Ripoll sarebbe morto in esplosione ad Alcanar

Negli attentati terroristici di giovedì in Catalogna, a Barcellona e Cambrils, sono state uccise 15 persone

Marsiglia, auto contro fermata del bus: un morto. Arrestato l'autista

Marsiglia, auto contro fermate bus: un morto. Arrestato l'autista

Un ferito. Non è terrorismo, uomo avrebbe problemi psichiatrici

Foto diffusa da El Pais e tratta dal profilo Twitter del quotidiano spagnolo

Barcellona, pubblicate foto del killer in fuga dopo la strage

El Pais ha diffuso le immagini di Younes Abouyaaqoub