Lunedì 01 Agosto 2016 - 08:30

Aereo Malesia disperso, per l'esperto schianto fu premeditato

Il velivolo, partito da Kuala Lumpur e diretto a Pechino, scomparve nel 2014 con 239 persone a bordo

Aereo Malesia, il dolore delle famiglie delle vittime a Pechino

Un esperto di incidenti aerei ha assicurato che il volo MH370, scomparso l'8 marzo del 2014 con 239 persone a bordo partito da Kuala Lumpur e diretto a Pechino, è stato volutamente lanciato in acqua nell'Oceano Indiano. "Qualcuno pilotò l'aereo fino alla fine, qualcuno pilotò l'aereo contro l'acqua", ha dichiarato Larry Vance in un'intervista a canal 9 della televisione austriaca.  Secondo l'esperto, il flaperon (superficie di controllo di un velivolo posta sul bordo di uscita delle ali, ndr) trovato l'anno scorso nell'isola di Reunion e consegnato alla Francia per le analisi, è la prova più evidente che il Boeing 777 della Malaysia Airlines fu 'lanciato' sull'Oceano.

Questa ipotesi situa il luogo dell'impatto in un punto molto più a sud della zona di 120mila chilometri quadrati al largo della costa australiana in cui viene tracciato il velivolo, calcolata in base all'eventuale esaurimento del carburante.

Anche se la Francia non ha ancora rivelato le sue conclusioni sull'indagine, Vance ritiene che parte dell'ala dell'aereo sia stata utilizzata per l'atterraggio e poi trascinato dalla forza dell'acqua.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Germania, festival neonazista per celebrare il compleanno di Hitler

Germania, due morti in una sparatoria a Saarbrücken

Non si tratterebbe di attentato, ma di un crimine in ambiente familiare