Lunedì 27 Marzo 2017 - 14:30

Addio ad Alessandroni, il fischio western più famoso del mondo

Sua, insieme alla moglie Giulia, la voce di 'Mah-nà mah-nà', motivo ripreso dai Muppets

Addio ad Alessandroni, il fischio wester più famoso del mondo

E' stato un grande  compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore ma verrà ricordato per sempre per il fischio nelle colonne sonore di Ennio Morricone per gli spaghetti western di Sergio Leone. E' morto a 92 anni a Roma Alessandro Alessandroni.

"Mi telefonò Morricone e mi disse: 'Sandro, vieni giù un momento, in sala, che c'è da fare una fischiatina'", raccontava il maestro sulla genesi dell'attacco del tema di 'Per un pugno di dollari'. Alessandroni collaborò con Morricone anche in 'Per qualche dollaro in più' e 'Il buono, il brutto, il cattivo' ma lavorò con molti dei grandi compositori dell'epoca d'oro del cinema italiano come Piero Umiliani e  Armando Trovajoli. Sua, insieme alla moglie Giulia, la voce di 'Mah-nà mah-nà', estratto dalla colonna sonora di 'Svezia, inferno e paradiso' di Luigi Scattini (1968) e ripresa poi dai Muppets. Recentemente è apparso anche in un disco di una band di culto del rock italiano come i Baustelle, che in un brano di 'Amen' intitolato Spaghetti Western hanno ospitato Alessandroni con il suo celebre fischio, facendogli suonare fisarmonica e chitarra. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Dopo quattro anni, tornano i Subsonica con il nuovo album: '8'. Uscirà il 12 ottobre

Il ritorno della band torinese con un disco di inediti. A dicembre un tour in Europa

Ariana Grande and Pete Davidson engagement

Mtv annuncia le nomination dei VMAs: Ariana Grande e Cardi B i più gettonati

La lista include artisti che, grazie alla loro portata e influenza, hanno contribuito a elevare la rilevanza della musica

 Johnny Depp riceve da Joe Perry il Kerrang Inspiration Award.

Johnny Depp raggiunge l'accordo con ex manager: non si andrà a processo

L'attore ha accusato The Management Group di aver gestito male le sue finanze, ma per la società era lui a fare 'spese pazze'