Venerdì 16 Settembre 2016 - 22:30

Addio a padre Amorth, il più famoso prete-esorcista

Aveva 91 anni ed era ricoverato a Roma da alcune settimane

Morto Gabriele Amorth

E' morto padre Gabriele Amorth, l'esorcista più famoso in Italia e tra i più famosi al mondo. Il sacerdote paolino, a quanto si apprende, era ricoverato da alcune settimane in un ospedale della Capitale, nella cui diocesi esercitava il ministero.
Nato a Modena nel 1925, laureato in giurisprudenza, era entrato nella Società San Paolo e ordinato sacerdote nel 1954. Nel 1985 ricevette la nomina di esorcista della diocesi di Roma dal cardinale vicario Ugo Poletti. Lo scorso 8 settembre don Amorth era stato insignito della Medaglia della Liberazione dal prefetto di Roma, Paola Basilone, alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti per il ruolo svolto nella lotta partigiana in Emilia dopo l'8 settembre 1943. Nel 1990 aveva fondato l'associazione internazionale degli esorcisti, di cui era stato a lungo presidente e poi presidente onorario. Appassionato di mariologia, è stato direttore del mensile Madre di Dio e collaboratore di Famiglia Cristiana, Credere, Telenova e Radio Maria. Negli anni ha pubblicato numerosi libri con il gruppo editoriale San Paolo, tra cui l'ultimo, 'Il mio rosario', e 'Dio più bello del Diavolo'.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Italia ancora nella morsa del freddo. Neve e venti forti

L'Italia ancora nella morsa del freddo: neve e venti forti

Nord nel gelo, centro-sud ed Emilia dovranno fare i conti con la neve

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

A trovarla è stato il marito, da chiarire il suo ruolo

Catania, arrestato il pericoloso boss Nizza

Catania, arrestato boss Nizza: era tra i 100 latitanti più pericolosi

Minniti soddisfatto: "Successo investigativo di alto livello"

Papa: Accogliamo migranti, anche noi siamo forestieri

Il Papa: Accogliamo i migranti, anche noi siamo forestieri

Francesco celebra così la giornata mondiale del Rifugiato