Lunedì 04 Settembre 2017 - 20:00

Addio a Gastone Moschin, volto di 'Amici miei'

Cinema italiano in lutto. L'attore è scomparso all'età di 88 anni

Addio a Gastone Moschin: il volto di 'Amici miei' aveva 88 anni

Il cinema italiano dice addio a Gastone Moschin: il volto di 'Amici miei' si è spento oggi a 88 anni. A dare l'annuncio su Facebook la figlia Emanuela che ha lasciato un messaggio: 'Addio Papà... per me eri tutto...'.

 

Inizia la sua attività cinematografica nel 1955 con 'La rivale', di Anton Giulio Majano. Ma Moschin è stato il vero protagonista della commedia italiana. Nel 1959 esordisce con il film 'Audace colpo dei soliti ignoti', ma il ruolo che lo farà emergere sarà quello del codardo Carmine Passante nel film 'Gli anni ruggenti' del 1962. Di lì in avanti Moschin si dimostrerà una presenza assidua nelle commedie dell'Italia alternando ruoli da protagonista a ruoli da spalla di lusso. Nel 1963 è un quarantenne deluso in 'La rimpatriata' di Damiano Damiani e un camionista innamorato in 'La visita' di Antonio Pietrangeli.

La sua maggiore popolarità la si deve al ruolo dell'architetto inguaribilmente romantico Rambaldo Melandri, protagonista, al fianco di Ugo Tognazzi, Philippe Noiret, Adolfo Celi e Duilio Del Prete, della saga di 'Amici miei'. Dal 1990 si era trasferito a Capitone, vicino a Narni, dove aveva installato anche un maneggio di cavalli, divenuto il primo centro di ippoterapia dell'Umbria.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Oscar 2016

Morgan Freeman accusato di molestie da otto donne. Arrivano le scuse: "Non era mia intenzione"

Lo scandalo si allarga: avrebbe avuto comportamenti inadeguati sul set

Milano, arriva OFFSide: il festival cinematografico dedicato al calcio

La prima edizione italiana dell'evento dal 25 al 27 maggio presso la Fabbrica del Vapore

Cannes 2018, a Marcello Fonte il Premio come Miglior attore per “Dogman”

Trionfo dell'Italia a Cannes: vincono Rohrwacher e Fonte. La Palma d'oro è giapponesen

A "Shoplifters" il massimo riconoscimento del festival. "Dogman" vince la miglior interpretazione maschile, mentre "Lazzaro felice" la miglior sceneggiatura