Venerdì 12 Febbraio 2016 - 12:00

Acireale, blitz contro furbetti del cartellino in Comune: 62 indagati

Tre sono stati arrestati, per dodici è scattato l'obbligo di firma

Furbetti del cartellino ad Acireale: 62 indagati

Vasta operazione anti assenteismo della polizia di Catania. A finire nei guai sono 62 'furbetti del cartellino', tutti dipendenti del Comune di Acireale. Tre sono finiti in manette, per 12 è scattato l'obbligo di firma e per 47 la denuncia: tutti sono responsabili a vario titolo di truffa ai danni di ente pubblico e di falsa attestazione di presenza in servizio sul luogo di lavoro. La polizia li ha scoperti grazie a intercettazioni ambientali e riprese video, dalle quali si vedono chiaramente alcuni dipendenti strisciare il badge per diversi colleghi, in modo da farli risultare al lavoro anche quando arrivavano tardi o non si presentavano affatto. Nei guai, quindi, sia gli autori delle strisciate plurime sia i beneficiari. L'indagine, partita il 26 febbraio 2015, si era interrotta dopo sole due settimane perché uno dei dipendenti indagati ha notato una telecamera e l'ha danneggiata: il poco tempo non ha fermato l'inchiesta che ha riguardato quasi un quarto dei dipendenti comunali degli uffici sotto accusa.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Napoli, folla di turisti per un 25 aprile di sole

Napoli, fermato presunto terrorista: progettava attacco con l'auto sulla folla

Arrestato un cittadino del Gambia con l'accusa di terrorismo. In un video giurava fedeltà all'Isis

Dopo il sole, tornano le nuvole: il meteo del 26 e 27 aprile

Le previsioni a cura dell'aeronautica militare

Milano, Sparatoria a Quarto Oggiaro

Mafia, blitz contro clan Rinzavillo: 10 arresti a Gela

L'operazione della polizia è scattata all'alba

Foppolo alta valle Brembana Bergamo l'arresto del sindaco Beppe

Foggia, 25enne ucciso in un agguato sotto casa a Vieste

Freddato mentre stava rientrando nella sua abitazione. Forse l'esecuzione legata agli scontri tra clan mafiosi