Giovedì 21 Aprile 2016 - 17:30

Abusi in asilo, Telefono Azzurro: Prove certe in tempi rapidi

A dichiararlo a La Presse è Giuseppe Magno, magistrato esperto di diritto minorile

Roma, arrestata una maesta dell'asilo "Il nido del parco"per maltrattamenti

Maltrattati e insultati: ancora una volta un asilo è stato teatro di violenza nei confronti dei bambini. E immediatamente diventano virali foto e video degli abusi. Ma è giusto raccogliere prove per così tanto tempo sulla pelle dei bambini? Chi decide i tempi di intervento per farmare le violenze? Purtroppo "non basta uno schiaffo o un calcio. Se si iniziasse un procedimento penale in base a un unico episodio, sarebbe impugnabile da qualsiasi difesa". A dirlo a LaPresse è Giuseppe Magno, magistrato esperto di diritto minorile e membro del direttivo di Telefono Azzurro.  "Esiste un tempo incomprimibile - sottolinea il pm- per cercare le prove: e questo non si può ridurre".  

Per Magno "non si può condannare una persona per un solo episodio. Serve una serie continuata di casi che accertino le prove". A volte però ci si trova davanti a inchieste che vanno avanti molti mesi. Chi decide quando dire basta? "Lo decide il buonsenso e le esigenze di indagine",  sostiene Magno. Per Magno la chiave della questione sta "nell'equilibrio tra il minimo indispensabile per sostenere l'accusa e il massimo tollerabile dai bambini". Sulle ripercussioni psicologiche di queste violenze Magno afferma: "Non c'è sempre un rapporto tra causa ed effetto. E poi se il maltrattamento non è stato intenso, se il bambino ha avuto tempo di recuperare anche grazie al buon clima in famiglia, le conseguenze potrebbero essere non pesanti". Quello che è certo, però, per il magistrato è che  "allo scopo di acquisire maggiori elementi di prova non si devono far soffrire i bambini".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Piazza del Campidoglio manifestazione contro lo sfratto della Casa delle Donne in via della Lungara

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale