Lunedì 13 Febbraio 2017 - 18:00

Abodi sfida Tavecchio: Mi candido alla presidenza della Figc

E annuncia: "Comunque vadano le elezioni federali, mi dimetto dalla Lega di Serie B"

Abodi sfida Tavecchio: Mi candido alla presidenza della Figc

"Mi candido alla presidenza della Figc". Con queste parole il presidente della Lega B, Andrea Abodi, ha sciolto la riserva dopo un'assemblea dei club in via Rosellini, a Milano. Pronta la sfida all'attuale numero uno in carica della Federcalcio, Carlo Tavecchio. Le elezioni per scegliere il nuovo presidente della Figc si terranno il prossimo 6 marzo.

"Comunque vadano le elezioni federali, io mi dimetto dalla Lega di Serie B. La mia è una decisione definitiva. Il 7 marzo festeggio il mio compleanno e sarò comunque felice. Io ritengo che quando si fa nascere qualcuno o qualcosa, si cerca di migliorarlo e ci sono dei momenti in cui bisogna lasciarlo, ma non credo agli uomini della Provvidenza. Sto tentando una sfida più ambiziosa. Per me lasciare questa Lega è, comunque, un dolore grande perché in sei anni e mezzo è stata la mia vita", ha dichiarato Abodi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"