Lunedì 31 Luglio 2017 - 11:30

Abi: Pil in crescita +1,3% all'anno. In calo sofferenze bancarie

Segnali positivi per l'economia nel rapporto AFO 2017-19. Le sofferenze dovrebbero ridursi di 30 miliardi

EUROBANCONOTE

Crescita del Pil a +1,3% nel 2017 e stabile su questo livello anche nel biennio successivo. E' lo scenario prospettato dall'Ufficio studi dell'Abi nel Rapporto di previsione AFO 2017-19. Nel complesso, secondo le previsioni dell'Associazione bancaria italiana, le manovre di bilancio si incammineranno su di un sentiero di rientro coerente con lo stato del ciclo: a fine 2019 il rapporto debito/Pil risulterà inferiore di quasi 5 punti percentuali al dato dello scorso anno.

L'Abi vede in miglioramento anche la qualità dell'attivo bancario tra il 2017 e il 2019, con una riduzione media annua del 15% delle sofferenze nette, e un calo del rapporto sofferenze nette su impieghi di oltre il 40% nel triennio. A fine 2019 il rapporto sofferenze/impieghi dovrebbe infatto collocarsi al 2,7%, valore inferiore di quasi 2 punti rispetto al 2016.

Secondo quanto riportato nel Rapporto di previsione AFO 2017-19, lo stock di sofferenze nette si dovrebbe ridurre di 30 miliardi di euro nel triennio di previsione (pari al 35% dello stock di fine 2016), col 75% della riduzione dello stock che riguarderebbe sofferenze in capo alle imprese

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, conferenza stampa del commissario Malmstrom sui dazi Usa

Moto, barche, Levi's e trucchi. Ecco i dazi europei sui prodotti Usa

Scattati dalla mezzanotte. Variano dal 10 al 25 per cento. Riguardano circa 200 categorie. Si va dal burro d'arachidi al fondotinta, dalle carte da gioco a succo d'arancia

La Grecia promossa dall'Eurogruppo: dopo 8 anni finisce la crisi, ok al taglio del debito

La decisione dopo una lunga maratona. Allungate di 10 anni le scadenze dei prestiti. Moscovici: "È un momento storico"

Fox, Disney mette sul piatto 71,3 miliardi di dollari: è nuovo accordo

Intesa su 38 dollari ad azione. Comcast manca l'affondo