Venerdì 18 Novembre 2016 - 07:45

Abe incontra Trump: Donald è un leader di cui mi posso fidare

Visita a New York del premier giapponese, accolto nella Trump Tower

Abe incontra Trump: E' un leader di cui mi posso fidare

Il primo ministro del Giappone, Shinzo Abe, ritiene che il presidente americano eletto Donald Trump, sia un leader verso il quale sia possibile nutrire una "grande fiducia". Lo ha detto il leader nipponico dopo la riunione tenutasi a New York. Abe è il più importante leader straniero che ha finora incontrato Trump dopo che il tycoon ha vinto le elezioni. Parlando con i giornalisti dopo la riunione, Abe ha descritto l'incontro con Trump come "franco" e "cordiale" ma non ha fornito dettagli riguardo ciò che è stato discusso. "Credo che senza fiducia tra l'alleanza di due nazioni non avrebbe mai potuto funzionare in futuro", ha detto il primo ministro giapponese.

 "Come risultato della discussione di oggi, sono convinto che il signor Trump è un leader in cui ho grande fiducia" ha detto Abe. L'incontro è durato per 90 minuti, secondo fonti del team del presidente eletto, e si è tenuto nella Trump Tower.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

 Usa, Trump: Fbi incapace di fermare le fughe di notizie

Usa, Trump: Fbi incapace di fermare le fughe di notizie

"Non li riescono nemmeno a trovare all'interno dello stessa Fbi"

La Russia replica a Trump: Supremazia nucleare? Rischio di corsa agli armamenti

Russia a Trump: Supremazia nucleare? Rischio corsa al riarmo

Il presidente repubblicano aveva manifestato la volontà di ampliare l'arsenale in mano agli Stati Uniti

Moscovici attacca Le Pen: Vuole uccidere l'Ue invece di curarla

Moscovici attacca Le Pen: Vuole uccidere l'Ue invece di curarla

La candidata alle presidenziali francesi nel mirino del commissario dell'Unione

Al momento sono in corso scontri tra le forze governative e radicali all'interno di Al Tayaran

Isis, le forze irachene irrompono nel quartiere ovest di Mosul

Al momento sono in corso scontri tra le forze governative e radicali all'interno di Al Tayaran