Giovedì 01 Dicembre 2016 - 20:30

Aaron Eckhart: 48 anni da single sono tanti, voglio un figlio

L'attore è nelle sale con 'Sully', ultimo film di Clint Eastwood

Aaron Eckhart confessa: 48 anni da single sono tanti, voglio un figlio

E pensare che, fra i suoi sogni ricorrenti, ce n'è uno, drammatico, in volo: "L'aereo scende, nessuno ha il controllo, io chiedo 'Cosa facciamo?'. Ma a quel punto ho già rinunciato, succeda quel che succeda...". Un atteggiamento ben diverso da quello assunto da Jeffrey Skiles, il coraggioso copilota di 'Sully', ultimo film di Clint Eastwood in uscita nella sale, al quale Aaron Eckhart presta il suo volto di affascinante 48enne, un po' stanco della singletudine. Come racconta a 'IO donna', "48 anni da single sono un po' tantino. Sono felice, non è questo il punto, c'è un sacco di gente sposata e scontenta e non credo che il matrimonio porti comunque felicità. Ma vorrei un figlio, andare con lui a pesca e a cavallo". E il suo Natale come sarà? "Lo passo sempre con la mia famiglia, nel Montana. Sceglierò nel bosco un abete, lo porterò a casa e farò il mio albero. Lo decoro sempre io, ho i miei scatoloni con le decorazioni e il resto. Il ranch è in mezzo al niente, solo buio attorno: tutto quel che vedi tra le montagne è la luce di un albero di Natale. Bellissimo".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Photocall del film Ant-Man and The Wasp

"Ant-man and The Wasp" apre Giffoni 2018, Lilly e Rudd: "Parità dei sessi e sguardo ai bimbi in questo Marvel"

Il secondo film dedicato al più piccolo dei supereroi arriverà nelle sale italiane ad agosto

Festival di Venezia 2016

"First Man" aprirà Venezia 75: Chazelle e Ryan Gosling ancora insieme dopo "La La Land"

La storia della missione della Nasa per far sbarcare l'uomo sulla Luna

 Johnny Depp riceve da Joe Perry il Kerrang Inspiration Award.

Johnny Depp raggiunge l'accordo con ex manager: non si andrà a processo

L'attore ha accusato The Management Group di aver gestito male le sue finanze, ma per la società era lui a fare 'spese pazze'