Sabato 01 Luglio 2017 - 12:45

L'Europa ricorda Kohl: i funerali dell'ex cancelliere a Strasburgo

Presenti alla cerimonia di commiato Angela Merkel, il presidente francese Macron e Bill Clinton

L'Europa ricorda Kohl: funerali dell'ex cancelliere a Strasburgo

Si svolge al Parlamento europeo a Strasburgo la cerimonia in ricordo dell'ex cancelliere tedesco Helmut Kohl. Fra i leader, oltre alla cancelliera tedesca Angela Merkel e al presidente francese Emmanuel Macron, e gli ospiti arrivati al Parlamento, accolti dal presidente dell'eurocamera Antonio Tajani, anche l'ex presidente del governo spagnolo Felipe Gonzßlez, l'ex presidente Usa Bill Clinton e il primo ministro russo Dmitri Medvédev. Presenti il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. A Strasburgo anche Silvio Berlusconi. Proprio l'ex presidente del consiglio italiano si è fermato commosso davanti al feretro e si è raccolto con le mani giunte prima di firmare un ricordo in memoria dell'ex cancelliere, come tutti gli altri presenti.

"Era suo desiderio che il suo commiato si celebrasse qui" a Strasburgo "perché per lui non c'era contraddizione tra essere tedesco ed europeo. Le considerava due facce della stessa medaglia". Così il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, nella sua orazione alla cerimonia. "Fu l'architetto della riunificazione tedesca" ha ricordato Juncker, "ma ha lavorato anche per la riconciliazione della storia e della geografia europea".

"Per la mia generazione è già parte della storia europea. La sua esperienza di vita è segnata da atti di coraggio e decisioni storiche senza le quali la mia generazione non avrebbe avuto possibilità di scelta. Un pensiero anche per Simone Veil, prima donna a presiedere il parlamento Ue: conosceva il prezzo di vite e sofferenza pagato" per l'Europa unita, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron nel corso della cerimonia di commiato. "Per la Francia è stato un amico - prosegue Macron - Da nativo della Renania ha sempre avuto curiosità per i suoi vicini e ha sempre preferito i ponti alle frontiere e ai muri".

"Kohl era un uomo del futuro. Creò una nuova Germania, formò le generazioni furure" e "avendo vissuto la guerra cercò di creare un mondo senza frontiere", ha detto il premier russo Dmitrij Medvedev. "Per la Russia è sempre stato un amico saggio e sincero", ha aggiunto il capo del governo russo, "ha capito che l'Europa ha spazio anche per la Russia".

"Hillary diceva che amavo Kohl perché era l'unico ad avere più appetito di me, a tavola e in politica", ha ricordato Bill Clinton. "Ha voluto creare un mondo in cui nessuno dominasse" gli altri, ha aggiunto l'ex presidente degli Stati Uniti. "Amava essere tedesco e amava essere europeo", afferma Clinton, che ha spiegato che l'eredità di Kohl è "un mondo interdipendente in cui confini sembrano più reti che muri".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fiori e candele sulla Rambla, il cordoglio di Barcellona per l'attentato

Barcellona, autista killer in fuga in Francia. "Cellula jhiadista smantellata del tutto"

Si tratterebbe di Younes Abouyaaqoub, cittadino marocchino di 22 anni. Identificata la terza vittima italiana: si tratta di Carmen Lopardo

Mondiali 2014, allenamento della Nazionale portoghese

Brasile, turista italiano pugnalato e ucciso dopo festino: 3 arresti

L'omicidio è avvenuto nella Regione dei Grandi Laghi, a 180 chilometri nord di Rio

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"