Sabato 01 Luglio 2017 - 12:45

L'Europa ricorda Kohl: i funerali dell'ex cancelliere a Strasburgo

Presenti alla cerimonia di commiato Angela Merkel, il presidente francese Macron e Bill Clinton

L'Europa ricorda Kohl: funerali dell'ex cancelliere a Strasburgo

Si svolge al Parlamento europeo a Strasburgo la cerimonia in ricordo dell'ex cancelliere tedesco Helmut Kohl. Fra i leader, oltre alla cancelliera tedesca Angela Merkel e al presidente francese Emmanuel Macron, e gli ospiti arrivati al Parlamento, accolti dal presidente dell'eurocamera Antonio Tajani, anche l'ex presidente del governo spagnolo Felipe Gonzßlez, l'ex presidente Usa Bill Clinton e il primo ministro russo Dmitri Medvédev. Presenti il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. A Strasburgo anche Silvio Berlusconi. Proprio l'ex presidente del consiglio italiano si è fermato commosso davanti al feretro e si è raccolto con le mani giunte prima di firmare un ricordo in memoria dell'ex cancelliere, come tutti gli altri presenti.

"Era suo desiderio che il suo commiato si celebrasse qui" a Strasburgo "perché per lui non c'era contraddizione tra essere tedesco ed europeo. Le considerava due facce della stessa medaglia". Così il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, nella sua orazione alla cerimonia. "Fu l'architetto della riunificazione tedesca" ha ricordato Juncker, "ma ha lavorato anche per la riconciliazione della storia e della geografia europea".

"Per la mia generazione è già parte della storia europea. La sua esperienza di vita è segnata da atti di coraggio e decisioni storiche senza le quali la mia generazione non avrebbe avuto possibilità di scelta. Un pensiero anche per Simone Veil, prima donna a presiedere il parlamento Ue: conosceva il prezzo di vite e sofferenza pagato" per l'Europa unita, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron nel corso della cerimonia di commiato. "Per la Francia è stato un amico - prosegue Macron - Da nativo della Renania ha sempre avuto curiosità per i suoi vicini e ha sempre preferito i ponti alle frontiere e ai muri".

"Kohl era un uomo del futuro. Creò una nuova Germania, formò le generazioni furure" e "avendo vissuto la guerra cercò di creare un mondo senza frontiere", ha detto il premier russo Dmitrij Medvedev. "Per la Russia è sempre stato un amico saggio e sincero", ha aggiunto il capo del governo russo, "ha capito che l'Europa ha spazio anche per la Russia".

"Hillary diceva che amavo Kohl perché era l'unico ad avere più appetito di me, a tavola e in politica", ha ricordato Bill Clinton. "Ha voluto creare un mondo in cui nessuno dominasse" gli altri, ha aggiunto l'ex presidente degli Stati Uniti. "Amava essere tedesco e amava essere europeo", afferma Clinton, che ha spiegato che l'eredità di Kohl è "un mondo interdipendente in cui confini sembrano più reti che muri".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Djalali, sospesa condanna a morte del ricercatore iraniano in Piemonte

La Corte suprema dovrà ora riesaminare il caso dell'accademico accusato di spionaggio

Russiagate, il ministro Sessions interrogato da team del procuratore Mueller

È la prima volta che un membro del governo del presidente Trump viene ascoltato nell'ambito delle indagini

Usa, studente 15enne spara in liceo in Kentucky: due morti. Fermato il killer

Lo annuncia il governatore di questo Stato della zona centro-orientale degli Usa

Carles Puigdemont a Copenhagen

Catalogna, Madrid: "Puigdemont non tornerà, neanche nascosto in un bagagliaio"

Mobilitate le forze dell'ordine su tutto il territorio spagnolo per impedire il rientro dell'ex governatore