Lunedì 14 Novembre 2016 - 14:00

Sieropositivo che infettava donne accusato di epidemia dolosa

Valentino Talluto era stato arrestato a novembre a Roma

A processo per epidemia dolosa sieropositivo che infettava partner

Valentino Talluto, il trentenne sieropositivo arrestato nel novembre scorso per aver contagiato le sue partner con rapporti non protetti, è stato rinviato a giudizio per epidemia dolosa e lesioni gravissime, come chiesto dal pm Francesco Scavo, titolare dell'indagine. Il processo, in corte d'assise, si aprirà il prossimo 2 marzo, a Roma. È la decisione presa dal gup Massimo Battistini del tribunale di Roma.

A Talluto vengono attribuiti 57 episodi legati ad altrettante persone: nel fascicolo del pm si fa riferimento a una trentina di donne che l'uomo avrebbe infettato con rapporti sessuali non protetti, tre uomini infettati da donne diventate sieropositive a causa del sesso con lui, un bambino nato da una sua ex partner oggi sieropositiva. Il piccolo avrebbe contratto il virus dalla madre durante il parto e ora è affetto da hiv e encefalopatia. A questi, si aggiungono una ventina di donne scampate all'infezione, tra le quali una che era incinta al momento dei rapporti sessuali con l'uomo, e tre uomini che non hanno contratto il virus pur avendo avuto rapporti 'a tre' con Talluto e le sue partner.

Nessuna delle vittime sapeva quanto rischiava perché a nessuna l'uomo aveva detto di essere sieropositivo. A tutte chiedeva di non usare il profilattico, per provare maggior piacere durante i rapporti, e tante, lo accontentavano. I fatti presi in esame dalla polizia giudiziaria del tribunale di Roma sono avvenuti tra il 2006, quando l'uomo ha saputo di essere sieropositivo dopo aver fatto un test hiv, e il 2015.

Dopo aver avuto certezza di essere sieropositivo, Talluto ha continuato ad avere rapporti, occasionali e non, sempre senza protezioni. Non si sottoponeva a terapia retrovirale, teneva nascosta la sua condizione, infettava chi lo amava: così, senza mai un ripensamento, per nove anni l'uomo ha fatto del male a decine di persone che gli erano vicine. L'indagine, portata avanti dalla sezione di polizia giudiziaria del tribunale di Roma è partita dalla denuncia di una delle vittime.

Dopo aver sentito da alcuni amici in comune che l'uomo era sieropositivo, la donna lo ha incalzato chiedendo di sapere la verità. Lui negava ma quando lei, dopo essersi sottoposta al test, ha scoperto di essere sieropositiva, lo ha denunciato.

Era la primavera del 2015, il giovane aveva avuto nel corso degli anni, decine di rapporti non protetti con decine di donne. Nel corso delle indagini, grazie alla collaborazione delle vittime, gli inquirenti sono riusciti a trovare le ragazze che avevano avuto relazioni con lui: quasi tutte giovani tra i 22 e i 30 anni, una delle quali aveva 14 anni quando aveva fatto l'amore con Talluto. Con alcune delle sue partner Talluto aveva avuto relazioni durate anni, senza mai confidare la verità.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, la sindaca Raggi lascia l'ospedale dopo il malore

Raggi dimessa dopo il malore: partecipa a vertice su stadio Roma

La prima cittadina ha raggiunto il Campidoglio per la riunione con il club

Roma, medici e vescovi contro Zingaretti: Bando per non obiettori è discriminante

Medici e vescovi contro Zingaretti: Bando non obiettori discriminante

Ma il governatore del Lazio tira dritto: "Nessuna guerra di religione, vogliamo solo garantire un diritto"

Stadio Roma, giunta Raggi verso stop delibera

StadioRoma, verso stop delibera. Grillo: Soluzione in 48 ore

Situazione in standy dopo il veto del Mibact

Omicidio Varani, Foffo condannato a trent'anni

Omicidio Varani, Foffo condannato a 30 anni

Marco Prato, l'altro imputato, sarà giudicato con rito ordinario