Lunedì 10 Aprile 2017 - 08:45

A Pechino ricompense fino a 68mila euro per chi denuncia spie

I presunti delatori denunciabili chiamando un apposito numero telefonico

A Pechino ricompense fino a 68mila euro per chi denuncia le spie

Gli abitanti di Pechino che forniranno informazioni utili a individuare spie che lavorano per Paesi stranieri riceveranno ricompense fino a 500mila yuan, pari a circa 68mila euro. L'annuncio è stato diffuso dalle autorità e riportato dall'agenzia Xinhua, che spiega gli informatori da oggi possono denunciare i presunti delatori chiamando un numero telefonico, inviando lettere oppure presentandosi di persona agli uffici dei servizi di sicurezza. La somma della ricompensa varia in base all'utilità della segnalazione, a partire da circa 1.300 euro, mentre sono previste sanzioni per chi fornirà deliberatamente informazioni false.

 Il quotidiano Beijing News cita la nota ufficiale che annuncia la novità: "Pechino è la prima opzione per le agenzie di spionaggio straniere e altre forze ostili per compiere attività di infiltrazione, sovversione, divisione e furto o distruzione di informazioni". E il comunicato spiega l'obiettivo di Pechino: "Le forze di sicurezza nazionale e anti-spionaggio affrontano una nuova situazione e necessitano di stimolare la cittadinanza a costruire una Grande muraglia contro le spie e lo spionaggio".
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Violenti scontri nella notte dopo la visita di Trump a Phoenix

"Charlottesville, media disonesti". Scontri a convegno Trump

Il presidente americano parla anche di Messico e Corea del Nord. Spary urticanti sui manifestanti anti-Trump

Barcellona, libero un arrestato. Documento Isis in covo di Alcanar

Un altro imputato resterà in carcere ancora per 72 ore. Negata la cauzione agli altri due. Chemlal: "Volevamo colpire la Sagrada Familia"

Egitto, da Usa stop a 300mln in aiuti: pochi progressi in diritti umani

Usa, stop a 300mln in aiuti a Egitto: pochi progressi diritti umani

Frustrazione per una nuova legge che regola le organizzazioni non governative

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Si è fatta immortalare davanti a un manifesto del parco con un cartello dell'associazione animalista Peta