Venerdì 29 Aprile 2016 - 10:15

A marzo disoccupazione in calo (11,4%), anche per i giovani

Rispetto a febbraio aumento di 90 mila occupati, pari a un aumento percentuale dello 0,4%

A marzo disoccupazione in calo all'11,4%

Scende a  marzo il tasso di disoccupazione in Italia:  si attesta all'11,4%, in calo di 0,3 punti percentuali su febbraio e di 1,1 punti sui dodici mesi. A riferirlo è 'Istat: si tratta dei minimi dal dicembre 2012. La stima dei disoccupati a marzo registra una diminuzione (-2,1%, pari a -63 mila) e il calo riguarda uomini e donne.  A marzo anche il tasso di disoccupazione giovanile è calato al 36,7%, in discesa di 1,5 punti percentuali rispetto al mese precedente. Si tratta dei minimi dall'ottobre 2012. Rispetto a marzo 2015 il calo della disoccupazione dei 15-24enni è di 5,5 punti percentuali. L'incidenza dei giovani disoccupati under 25 sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,3%, cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato. Questa incidenza è in calo di 0,5 punti percentuali rispetto a febbraio.

Tornano a salire, quindi,  gli occupati, con un aumento di 90 mila a marzo su febbraio, pari a un +0,4%. Il mese scorso gli occupati erano 22,578 milioni. Su marzo dello scorso anno l'aumento degli occupati è dell'1,2%, pari a +263 mila occupati. A febbraio il numero di persone con un lavoro era calato dello 0,4%, o di 87 mila unità.  Su base annua la crescita degli occupato riguarda soprattutto la componente over 50. L'aumento mensile, spiega l'istituto statistico, riguarda sia i dipendenti (+42 mila i permanenti e +34 mila quelli a termine) sia gli indipendenti (+14 mila). La crescita degli occupati coinvolge uomini e donne e si distribuisce tra tutte le classi d'età ad eccezione dei 25-34enni. Il tasso di occupazione, pari al 56,7%, aumenta di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente.

I movimenti mensili dell'occupazione determinano, nei primi tre mesi del 2016, una sostanziale stabilità del livello degli occupati (+0,1%, pari a +17 mila) rispetto ai tre mesi precedenti. L'unica componente che mostra una crescita sui tre mesi precedenti significativa è quella dei dipendenti permanenti, che aumentano dello 0,5% sul quarto trimestre del 2015 (+72 mila).

A marzo la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni cala dello 0,3% (-36 mila). La diminuzione è determinata quasi esclusivamente dalle donne e riguarda le persone di 25 anni o più. Il tasso di inattività scende al 35,9% (-0,1 punti percentuali). La diminuzione della disoccupazione nell'ultimo mese riguarda sia gli uomini (-2,1%) sia le donne (-2,2%). Il tasso di disoccupazione maschile cala di 0,2 punti percentuali attestandosi al 10,9%, mentre diminuisce di 0,3 punti quello femminile arrivando all'11,9%. Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo gennaio-marzo 2016 si registra un calo dei disoccupati (-0,5%, pari a -15 mila) e degli inattivi (-0,3%, pari a -43 mila). Su base annua sono in calo sia i disoccupati (-8,6%, pari a -274 mila) sia gli inattivi (-0,9%, pari a -125 mila).
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La protesta degli operai dell'ILVA di Taranto davanti ai cancelli della fabbrica

Lavoro, nel 2018 cala disoccupazione. Occupati in aumento dello 0,8%

Continua il miglioramento della situazione iniziato nel 2017. Ma i livelli europei sono ancora lontani