Giovedì 04 Gennaio 2018 - 12:15

Stamina, a Firenze i funerali della piccola Sofia. I genitori: "Nessun rimpianto"

L'ultimo saluto nella basilica di San Miniato al Monte. La mamma e il papà: "Continua il nostro impegno in difesa dei bambini affetti da malattie rare"

Sono stati tanti, nella mattinata a Firenze, quelli che hanno partecipato, nella basilica di San Miniato al Monte, ai funerali di Sofia De Barros, la bambina fiorentina di 8 anni affetta da una rara malattia neurodegenerativa, morta il 30 dicembre scorso. In molti si sono presentati con una rosa bianca in mano o indossando al braccio un laccio di colore blu, il colore preferito dalla piccola.

"Non ci sono rimpianti. Tutto quello che abbiamo fatto è stato per il bene di Sofia e abbiamo voluto fare squadra anche con altre famiglie. Abbiamo costruito una realtà contro questa sofferenza", hanno detto i genitori Guido De Barros e Caterina Ceccuti prima di entrare in chiesa, ribadendo che continueranno il loro impegno in difesa dei bambini affetti da malattie rare.

Tra i presenti in chiesa anche il cantante Nek, che negli anni ha seguito la vicenda di Sofia, e l'associazione 'Voa Voa', creata dai genitori della piccola. Sofia sarà sepolta nel cimitero delle Porte Sante, dove riposano alcuni grandi fiorentini.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Brescia, lo striscione di Forza Nuova contro Balotelli: "Sei più stupido che negro"

Il partito di estrema destra si scaglia contro la presa di posizione del calciatore sul tema dei migranti

Processo Maroni a Milano

Aiuti alle collaboratrici, Maroni condannato a 1 anno e 450 euro di multa

L'ex governatore della Lombardia colpevole per il lavoro a Mara Carluccio, ma assolto per il viaggio a Tokyo di Maria Grazia Paturzo

Terremoto Marche

Marche, contributi illeciti per casa post-terremoto: 120 denunciati

Hanno usufruito di agevolazioni per oltre 500mila euro, ma le abitazioni danneggiate dal sisma del 2016 erano residenze estive

Prima udienza del processo a Roberto Spada

Ostia, sei anni a Roberto Spada per aggressione 'mafiosa' ai giornalisti

Stessa pena per Ruben Nelson Alvez del Puerto, guardaspalle del boss che aveva partecipato al pestaggio