Mercoledì 02 Novembre 2016 - 17:45

A Calais anche i bimbi non accompagnati lasciano la 'giungla'

Si tratta di bambini in fuga da Paesi poveri, instabili o in conflitto, come Afghanistan, Sudan o Eritrea

A Calais tutti i bimbi non accompagnati hanno lasciato la 'giungla'

 La Francia ha completato il trasferimento dei 1.616 minorenni non accompagnati che si trovavano nell'accampamento di Calais, che sono stati spostati in alcuni degli oltre 400 centri di accoglienza temporanei Cap che si trovano in tutto il Paese. Lo riferisce a Efe una fonte ufficiale. Nei centri temporanei le autorità francesi avvieranno le procedure per verificare se i bambini hanno le condizioni per chiedere asilo al Regno Unito. Si tratta di bambini in fuga da Paesi poveri, instabili o in conflitto, come Afghanistan, Sudan o Eritrea. Secondo la fonte, la maggior parte dei minorenni non accompagnati da adulti non intende chiedere asilo in Francia perché la loro aspirazione è piuttosto di attraversare la Manica ed entrare legalmente in territorio britannico per unirsi ai parenti.

Scritto da 
  • LaPresse/Efe
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Portavoce Ue: "Blecua? Accuse infondate, selezionato in base a procedure"

I media internazionali sollevano dubbi sulla provenienza dei fondi usati dal capo della delegazione Ue in iraq per l'acquisto di una lussuosa residenza storica nel centro di Bruxelles

THAILAND-ACCIDENT-WEATHER-CHILDREN-CAVE

Thailandia, dimessi i 12 ragazzi. E per la prima volta raccontano: "È stato un miracolo"

I 'cinghialotti' hanno parlato per la prima volta con la stampa, prima di tornare a casa

TOPSHOT-SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, naufragio al largo di Cipro: 19 morti, 30 dispersi

A bordo viaggiavano circa 150 persone e oltre 100 sono state salvate