Lunedì 22 Agosto 2016 - 13:15

Pokemon Go, a Bangkok polizia controllerà 'cacciatori' pericolosi

Gli agenti vigileranno sui giocatori che spesso rischiano di causare incidenti

A Bangkok nasce polizia Pokemon Go: controllerà 'cacciatori' pericolosi

E' nata a Bangkok la 'polizia Pokemon Go', incaricata di vigilare nelle strade della città perché i giocatori non causino incidenti mentre danno la caccia ai mostriciattoli. Il Bangkok Post riferisce che 50 agenti sono stati 'armati' di telefoni cellulari con videocamere e incaricati di garantire la sicurezza su dieci strade principali della metropoli abitata da otto milioni di persone. La decisione è stata presa dopo che in quelle zone è stato rilevato un aumento del numero di incidenti stradali, spiega la testata thailandese. Le vie dove i poliziotti saranno attivi sono quelle di Sukhumvit, Phaya Thai, Rama I, Rama IV, Henri Dunant, Sathon, Phetchaburi, Phahon Yothin, Vibhavadi Rangsit, più la rotonda del Monumento alla vittoria.

I cacciatori di pokemon, alla guida di veicoli e a piedi, che con i loro comportamenti minacceranno di causare disagi e incidenti, saranno puniti con multe di mille bat (circa 25 euro). Il capo ad interim della polizia, Sanit Mahathavorn, ha parlato dei poliziotti addetti al controllo sull'uso del videogioco come di "cacciatori di cacciatori di Pokemon".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Germania, festival neonazista per celebrare il compleanno di Hitler

Germania, due morti in una sparatoria a Saarbrücken

Non si tratterebbe di attentato, ma di un crimine in ambiente familiare