Giovedì 20 Ottobre 2016 - 12:15

A 5 anni dalla morte di Gheddafi la Libia ancora nel caos

Il Paese frammentato è terreno fertile per estremisti e trafficanti

A 5 anni dalla morte di Gheddafi la Libia ancora nel caos

Cinque anni dopo la rivoluzione che portò alla morte di Muammar Gheddafi, è ancora caos in Libia, trasformata in roccaforte dei gruppi jihadisti nel nord Africa e in paradiso per i trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo. Una situazione che si è aggravata ulteriormente lo scorso fine settimana dopo che le milizie fedeli all'ex esecutivo islamista di Tripoli hanno assaltato uno dei principali complessi della città,sfidando il fragile governo di Unità nazionale designato sei mesi fa dall'Onu.

Cinque anni dopo che le forze internazionali sotto il mandato della Nazioni unite hanno aiutato i ribelli a deporre Gheddafi, la Libia è uno Stato fallito, preda del caos e della guerra civile, in cui decine di miliziani lottano per ottenere il potere e il controllo delle risorse naturali. Di fatto vi sono tre governi: due nella capitale e che si contendono la leadership nell'ovest del Paese, e uno a Tobruk, che guida le regioni dell'est e che controlla le principali risorse petrolifere.

Dei due governi di Tripoli, il primo è nato dopo un fallito accordo di pace auspicato dall'Onu e firmato a dicembre da membri dell'ex governo della capitale e da una piccola parte del Parlamento di Tobruk. Anche se gode del pieno sostegno di Onu, Usa e Ue, manca dell'appoggio del popolo e delle legittimità necessaria per guidare il Paese. Da quando è stato creato ad aprile, il suo unico risultato è stato quello di formare un'alleanza di milizie, guidata dalla potente città di Misurata, per cercare di cacciare il ramo libico dello Stato islamico da Sirte, città portuale sotto il controllo jihadista da febbraio 2015.

Il secondo è conosciuto come il Congresso nazionale generale (Cng), un'entità di ideologia islamista che ha governato nei primi anni ma si è rifiutata di riconoscere il risultato delle elezioni del 2014. I membri del Cng hanno preso d'assalto edifici governativi lo scorso fine settimana ordinando la cacciata del governo di unità nazionale accusato di aver aggravato la crisi politica e di non essere in grado di migliorare le condizioni della popolazione. Due centri di potere si contendono il controllo del Paese, rivendicando legittimità. I due Parlamenti e i governi controllano in realtà parziali zone del territorio, in cui si trovano anche 140 tribù e almeno 230 milizie armate. E poi l'Isis, a cui si sommano una serie di gruppi islamisti, come Ansar al-Sharia, i Consigli di shura di Bengasi e Derna, Mokhtar Belmokhtar al-Murabitun nel sudovest, al-Qaeda nel Maghreb Islamico (Aqim) a sudovest e nordest.

Nell'est l'uomo di spicco è il maresciallo Khalifa Hafter, ex membro della cupola gheddafista reclutato negli anni Ottanta dalla Cia, trasformatosi nel principale oppositore di Gheddafi in esilio e che ora contrasta i due governi di Tripoli. Hafter, che ora l'Onu cerca di contattare per convincerlo a unirsi ai piani di pace, combatte a Bengasi e ha avvertito che non si fermerà prima di aver raggiunto la capitale.

Di questa situazione di instabilità e conflitto continuo hanno approfittato, oltre ai gruppi jihadisti, i trafficanti di esseri umani. Dal 2015 circa 15mila persone sono rimaste uccise al largo delle coste libiche cercando di arrivare in Europa attraverso il Mediterraneo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israele, Netanyahu inaugura una nuova sezione dell'Aeroporto di Tel Aviv

Netanyahu all'Iran: "Non metteteci alla prova"

Il primo ministro israeliano mostra un frammento di drone dalla Siria abbattuto la scorsa settimana: "Se attaccati, reagiremo"

TOPSHOT-ALPINE-SKIING-OLY-2018-PYEONGCHANG

Vonn amareggiata: "Io antiUsa? Ce l'ho solo con Trump"

La campionessa messa sotto accusa sui social per le sue dichiarazioni critiche nei confronti del presidente: "Parlerò dopo le gare. Non ho cambiato idea"

Nucleare iraniano: ministro degli esteri Zarif torna a Teheran

Iran, si schianta aereo con più di 60 persone a bordo: non ci sono superstiti

Il velivolo della compagnia Aseman è precipitato nella regione di Semirom. È scomparso dai rad subito poco dopo il decollo

US-SCHOOL-SHOOTING-PROTEST

Usa, studentessa attacca Trump dopo l'agguato al liceo: "Vergognati"

La giovane ha denunciato i legami del presidente con l'Nra, la principale lobby delle armi americane. E lui attacca l'Fbi: "Troppo impegnata con Russiagate"