Giovedì 30 Luglio 2015 - 19:05

60 calciatori in cerca di un team al corso Aic di Coverciano

IMG

Di Andrea Capello

 

Coverciano (Firenze), 30 lug. (LaPresse) - Sono 60 dall'Eccellenza alla Serie A, vivono come una famiglia ed hanno un unico obiettivo in comune: trovare un impiego. Sono i partecipanti al consueto raduno organizzato dall'Assocalciatori (la prima edizione si svolse nel 1987, ndr) a Coverciano per i giocatori senza contratto.

 

Tutti insieme dal 20 luglio al 7 agosto senza pause intermedie. Allenamenti, preparazione fisica ma anche il corso per conseguire l'abilitazione ad 'allenatore di base'. Il superiamento dell'esame vale il patentino con il quale potranno allenare nei settori giovanili e nei campionati fino alla Serie D. Si passa da giocatori come Avramov, Alessandro Lucarelli e Galloppa (l'anno scorso in Serie A, ndr) per arrivare fino a Silvano Cersosimo (ultima stagione in Eccellenza allo Scalea).

 

All'arrivo sono stati divisi in tre gruppi da venti in base a caratteristiche tecniche piuttosto che età. Tre vere e proprie squadre con uno staff completo a loro disposizione. Dall'allenatore al magazziniere passando per il massaggiatore. Con loro anche tre 'capitani non giocatori'. L'ex campione del mondo Vincenzo Iaquinta, l'ex capitano del Milan, Massimo Ambrosini e l'ex capitano della Reggina, Mozart. Tutti a Coverciano per il corso allenatori.

 

Le statistiche dicono che il 90% dei partecipanti, costo 300 euro complessivi per vitto ed alloggio, trova successivamente un posto di lavoro come calciatore o allenatore. "Il clima che si respira nel raduno è molto positivo - racconta il coordinatore tecnico Biagio Savarese - siamo fieri del fatto che non si sta bene, ma benissimo. Dopo qualche difficoltà iniziale cerchiamo di far allontanare mentalmente i ragazzi dalla condizione precaria del momento".

 

Il lavoro infatti si deve svolgere forzatamente su due piani, psicologico e tecnico: "Cerchiamo di fare in modo che i problemi siano superabili. Per eventuali interventi specifici abbiamo a disposizione una psicologia. ma fino ad oggi non è mai accaduto - argomenta - per il resto li alleniamo sia fisicamente che tecnicamente, perché se li chiamano devono essere pronti".

 

Savarese giudica una ipotetica squadra Aic in grado di "ben figurare nel campionato di Lega Pro". Quello che resta più di ogni altra cosa scolpito nella memoria però è l'aspetto umano, come certifica un aneddoto racconto dallo stesso coordinatore del progetto: "Un calciatore è arrivato qui ed è rimasto solo un giorno perché aveva trovato una squadra. Voleva lasciarci ugualmente la quota - dice - ovviamente abbiamo rifiutato, ma testimonia come da subito si sia trovato in famiglia. Ogni volta che terminiamo un raduno, per noi è un arricchimento".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Serie A, Handanovic e l'Inter fermano il Napoli: 0-0 al San Paolo

Si ferma a otto la striscia di vittorie consecutive della squadra di Sarri, che resta in testa alla classifica tallonata dai nerazzurri

Sampdoria vs Crotone

Serie A, 'manita' della Samp al Crotone: blucerchiati al 5° posto

Per la squadra di Nicola brusco passo indietro dopo tre risultati utili consecutivi

Milan vs AEK Atene  - Europa League

Europa League, Milan sbatte su Anestis: 0-0 con l'Aek a San Siro

Il Milan resta prima nel girone D con 7 punti, a +2 proprio sui greci

Atalanta - Apollon

Europa League: Atalanta supera 3-1 Apollon, qualificazione vicina

Gli orobici salgono infatti a 7 punti e, complice la sconfitta casalinga dell'Everton contro l'Olympique Lione, si portano a +5 sulla terza classificata