Giovedì 02 Giugno 2016 - 08:30

2 giugno, Mattarella: La Repubblica è nata con la vocazione della pace

"Riaffermare i valori della Costituzione, sono la base della democrazia"

2 giugno, Mattarella: La Repubblica è nata con la vocazione della pace

Un messaggio chiaro da parte del capo dello Stato Sergio Mattarella per il 2 giugno: recuperare il senso del vivere insieme, riaffermando i valori della Carta Costituzionale. Occorre "riaffermare i valori e i principi alla base della Repubblica: il valore della libertà, ell'uguaglianza sociale, il valore della solidarietà. Valori che caratterizzano e contrassegnano la Costituzione e che sono alla base della democrazia. Vi è esigenza diffusa di ricordare questi principi", ha sottolineato Mattarella al termine del concerto al Quirinale per le celebrazioni della Festa della Repubblica.

VOCAZIONE DI PACE. "La nostra Repubblica è nata con la vocazione della pace, dell'apertura agli altri paesi e altri popoli, all'integrazione europea, al rispetto e al sostegno agli organi internazionali", ha aggiunto Mattarella, che ha sottolineato come sia necessarrio "recuperare il senso del vivere insieme. Questa esigenza di coesione è molto avvertita sul piano globale".  "Le crisi economica, la questione migratoria, la minaccia del terrorismo - ha precisato il capo dello Stato - interpellano tutti i Paesi e richiedono collaborazione e condivisione. Le grandi sfide possono essere affrontate solo ricercando politiche comuni e impegni condivisi,combattendo i nemici dell'umanità che sono povertà, instabilità e mancanza di istruzione".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"